I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

FOOL FESTIVAL - Morrovalle (27 Giugno / 1 Luglio 2018)

FOOL Festival è l’espressione di una gioventù che non ha mai smesso di sognare un mondo diverso e ricco di cultura, ma anche uno spazio pubblico vivo, attraversabile da tutti e in cui le arti, gli incontri e i dibattiti sono l’occasione per ridurre le distanze di punti di vista, di età, di approccio che spesso rendono complesso il vivere insieme. Nato come Festivalbeer Morrovalle nel 2012, alla sua sesta edizione il Festival diventa Il FOOL, un progetto totalmente inedito, aperto ad una dimensione europea e contemporanea, che ospita artisti internazionali e dà spazio a tutte le espressioni della cultura e dell’innovazione artistica. Vogliamo diffondere arte e cultura tra i giovani, coinvolgendoli con la musica ed educandoli all’arte. FOOL festival è pronto a diventare una delle manifestazioni culturali più interessanti nel panorama italiano, una vera e propria FOLLE rivoluzione artistica.


OGNI GIORNO
Campeggio libero
Stand gastronomici
Aperitivo dalle 18.30
Esibizioni artistiche
Mercatino Artigianato


Le Vibrazioni del ‘68


Le proteste in piazza, le università occupate, la liberazione dai vecchi costumi, ma soprattutto la voglia di cambiare il mondo e la società: mezzo secolo fa, il Sessantotto, fatto di lotte e anche di violenze, segnava l’inizio di una nuova epoca.
La ricomposizione delle memorie, la comprensione empatica delle lotte e la diffusione della cultura beat, come uno dei valori fondanti della nostra società moderna, sono dei doveri a cui non possiamo sottrarci. “Le Vibrazioni del ‘68” è una rassegna storica, uno scorcio, un taglio della società per rendere omaggio a gli anni Sessanta che hanno cambiato il mondo.
Le Vibrazioni del '68 è una rassegna organizzata interamente dai ragazzi del Fool.
Celebreremo, con chi vorrà intervenire, i 50 anni dall'anno più iconico del '900 attraverso conferenze, ospiti speciali, teatro e molto altro ancora. Un appuntamento con l’arte, la musica e la storia, imperdibile.

Brutartist: Sullo sfondo dell'Auditorium Borgo Marconi prenderanno vita ritratti di persone e animali accompagnati da una forte componente emotiva, espressa attraverso forme irregolari e accostamenti cromatici contrastanti, che vanno oltre la rappresentazione del reale, richiamando magicamente icone dell'arte e correnti artistiche degli anni Sessanta in chiave contemporanea. Un'esposizione eccentrica a cura di Riccardo Chitarri, in arte Brutartist, al Fool Festival.
Massimiliano Follenti: La sofferenza, l’instabilità, la ricerca di un’uguaglianza sociale, di una stessa dignità umana. Un focus particolare nel movimento che ha cambiato il mondo intero, narrato dalla fantasiosa tessitura dei personaggi di Massimiliano Follenti. Tre storie accompagneranno il Fool Festival, tre storie da non dimenticare.

 


Mercoledì 27 Giugno: Serata Nuove Proposte


Fool Soundcontest: Il Fool Festival cerca da sempre di dare spazio e visibilità ad artisti emergenti e di grande valore, eccellenze ancora poco conosciute ma che meritano tanto. Quest’anno è infatti nato il Fool Soundcontest, cioè un evento che vuole essere un trampolino di lancio per questi artisti. Iniziato durante lo Spring Fool, il contest chiuderà in bellezza proprio nel primo giorno del Festival e vedrà esibirsi i Boccia & The Batteristi, Vie delle Indecisioni, CaPaBrò e i La Fayette, i quattro finalisti selezionati in precedenza dal pubblico (che anche questa volta dovrà decretare il vincitore). Perciò non perdetevi assolutamente la finale della prima scoppiettante edizione del Fool Soundcontest!

Ore 23.30 Cimini: A seguire, per chiudere nel migliore dei modi, uno degli artisti italiani più promettenti. In passato, al Fool Festival, appena prima del grande successo, hanno suonato artisti del calibro de Lo Stato Sociale, The Giornalisti e Brunori Sas. Siamo pronti a scommettere che Cimini seguirà le loro orme e che presto entrerà nell’Olimpo della musica italiana  contemporanea! Il suo ultimo album “Ancora Meglio” è stato prodotto dalla Garrincha Dischi (Ex-Otago, Lo Stato Sociale): è un artista diretto, ma intimo e fortemente empatico. Spiccano i due singoli estratti “La Legge di Murphy” e “Sabato Sera”.
Con Cimini al Fool “Le canzoni escono fuori dalle macchine e dai bar" per arrivare dritte alla vostra anima!



Giovedì 28 Giugno: Serata Ska/Reggae


ore 22.00: Le Mani Sporche: Band maceratese ska/reggae formatasi nel lontano 2007. Il gruppo si mette subito in evidenza e dimostra di saperci fare, pubblicando il brano “Mi Piace Volare” che viene scelto come colonna sonora per il Red Bull Flugtag, per poi fare il bis l’anno seguente per il Red Bull Soap Box Race italiano con la loro “Guiderò Per Te”. I loro concerti sono noti per la mancanza di pause, sono basati completamente su proprie composizioni ed hanno dei ritmi travolgenti. Il loro stile musicale è fortemente influenzato dal rock’n’roll, dal rocksteady originale giamaicano, dal punk e dallo swing acustico anni ’20.
Ore 23.00: Africa Unite System of a Sound: gruppo formato da Bunna e Madaski nel lontano 1981. Nessuno rappresenta meglio di loro il reggae made in Italy. Il loro progetto musicale si può definire come un viaggio, un dialogo tra le teste pensanti dei due artisti. Rimangono sempre fedeli allo spirito del reggae e ne esplorano le varie declinazioni sonore, unendolo alla dub, roots, elettronica sotto al comune denominatore del sound che da sempre ha influenzato la loro produzione musicale. Due stili di intendere la musica messi a confronto, in uno “scontro” che alterna le selezioni di Bunna alle elaborazioni live dub da parte di Madaski.


Venerdì 29 Giugno: Serata Elettronica


ore 18.45: Federico Buffa: Avvocato, procuratore, commentatore sportivo, conduttore, autore televisivo, attore teatrale: semplicemente Federico Buffa. Sarà presente al Fool Festival per una conversazione sul ’68, dopo i vari speciali Sky dedicati all’argomento. Questo personaggio non ha bisogno di presentazioni in quanto ha dato all’Italia una cosa che non aveva: l’epica sportiva. È un narratore vero che riesce a fondere logica e bellezza soltanto utilizzando l’arte della parola. Si tratta dell'arte che lega il presente al passato e al futuro, attraverso ciò che chiamiamo storie. Questo ci rende veramente umani: il narrare. Il più grande storyteller italiano dà il via alla rassegna “Le Vibrazioni del '68”.
Con Federico Buffa al Fool Festival, la via dello spettacolo torna a essere anche la via della conoscenza. Un evento imperdibile!
Ore 22.00: Vincitore Soundcontest: Il venerdì sera si aprirà con l’esibizione della band che vincerà il Fool Soundcontest e che potrà quindi scaldare gli animi del pubblico prima di un’artista di fama internazionale.
Ore 23.00: Crookers: Progetto musicale fondato nel 2003 da PHRA, suo unico titolare: è uno dei nomi di maggior spicco degli ultimi 10 anni nella scena elettronica internazionale, uno dei pochi artisti di casa nostra ad avere un successo veramente globale. Il suo sound unisce diversi generi musicali (house, rap, r’n’b) e si può benissimo definire come futuristico ed innovativo. Crookers è stato headliner dei club e dei festival più importanti al mondo e ha remixato alcuni dei nomi più influenti del music business: tra gli altri, Chemical Brothers, Lady Gaga, Beyoncé, U2, Diplo, Kid Cudi. Sul palco del Fool, si esibirà con i suoi più grandi successi ed il suo ultimo lavoro: “Crookers Mixtape: Quello Dopo, Quello Prima”.

Uno show più ironico rispetto al passato e che crea qualcosa di unico, sia come suono che come attitudine. Beat e spunti geniali, totalmente fuori dalle logiche di mercato attuali, oltre ad un’astrazione che conquista.
Ore 00.30: Virus House Project, Luca Gurini:
Cercare il proprio spazio e coltivarlo dove tutti avevano detto che non cresceva niente. Virus House Project è un'unione di anime e corpi sotto un’unica stella, quella della musica. Da 15 anni
VHP è promotore dei migliori eventi techno del centro Italia. Capitanato dal direttore artistico Lorenzo Danno, il VHP vanta collaborazioni con i migliori club d'Italia come il Gate clubbing, il Cocoricó e il Classic club, solo per citarne alcuni.

Luca Gurini è nato e cresciuto a Recanati (MC), classe 1992 ed è Resident Deejay ormai da anni nel prestigioso staff Virus House Project. Le sue sonorità Tech House e Dub lo hanno
portato a cavalcare console nelle più importanti discoteche marchigiane e non. A Marzo 2018 esce il suo primo Ep di tre tracce, con una delle più importanti etichette discografiche italiane:
Flashmob Records. Attualmente Luca è già a lavoro per nuove produzioni.


Sabato 30 Giugno: Serata Rap


ore 18.45: Il ’68 Diffuso: L'Osservatorio di Genere sarà al Fool Festival, con un racconto del '68 visto da più prospettive. Tre gli appuntamenti con cui l'OdG proporrà una narrazione collettiva del processo destinato a cambiare, nel bene e nel male, l'intera società, la cultura e la politica. Il 30 giugno appuntamento con Silvia Casilio e Loredana Guerrieri dell'Osservatorio di Genere, che parleranno de "Il '68 diffuso. Contestazioni e linguaggi in movimento". Il '68 non fu un evento: fu un insieme di storie complesse e variegate, storie che furono allo stesso tempo sintomi e agenti delle trasformazioni sociali e culturali che negli anni Sessanta del secolo scorso attraversarono l'Italia e gran parte del mondo. Durante l'incontro si affronterà “la cosa 68” da più prospettive per riflettere su ciò che era, che è e forse sarà.
Prima dell'incontro Claudia Santoni presenterà anche la mostra "68/ is now?", un'esposizione a cura dell'OdG con fotografie di Simona Muscolini e della Cooperativa sociale Il Faro che vuole interrogare il presente con lo sguardo rivolto a ciò che accadde 50 anni fa.
Ore 21.30: Velocy Raptus: La serata rap verrà aperta dal gruppo rivelazione marchigiano. Il 1° luglio 2017, usciva il loro primo disco ufficiale, ovvero, “SAUDADE” per Bananophono / NuFabric. Lo stile del gruppo è un mix perfetto tra new e old school, con sonorità ricercate ed un taglio nuovo e contemporaneo, senza mai distogliere lo sguardo dal passato. Il loro scorso tour estivo si è concluso con l’apertura di un concerto di Coez, ma i Velocy Raptus sono già pronti a ripartire, lanciando un nuovo pezzo che dovrebbe uscire a giugno. Una scarica di energia per iniziare al meglio il sabato sera!
0re 22.24: Supernino: Riesce a mettersi in mostra grazie ad i suoi testi al limite tra il grottesco e la denuncia sociale, con continui riferimenti alla cultura pop contemporanea. Si autodefinisce una “contraddizione” in quanto è Super, ma al contempo ha anche un nome comune come Nino. La sua musica riesce ad incantare il pubblico grazie ad un perfetto mix di Electro Punk e rap. Per scrivere i suoi brani, si ispira ai Justice, MGMT e Gorillaz.
Ore 23.00 Mudimbi: Nato a San Benedetto del Tronto 31 anni fa, Michel Mudimbi scopre il rap da ragazzino e se ne innamora subito. Inizia la sua gavetta lavorando il pomeriggio come meccanico in un’officina; la sera, invece, accompagna al microfono i dj nelle dancehall, le feste reggae. Sarà Radio Deejay a trasmettere la sua prima vera hit, cioè l’irresistibile ed ironica Supercalifrigida. Dopo dieci anni in officina, Mudimbi si licenzia e pubblica il suo primo album, dal titolo “Michel”, che in occasione di Sanremo, è stato pubblicato dalla Warner Music con due inediti, cioè Il Mago e AMEMÌ. Quello di Mudimbi è un rap coi piedi per terra, senza stereotipi e cliché. -Non voglio scimmiottare gli americani nella musica o nel modo di vestire. - afferma -Uso il rap solo come uno strumento per raccontare le mie storie. La rivelazione di Sanremo 2018 per uno dei live più energici e divertenti della scena italiana, il tutto accompagnato da una band di musicisti.
Ore 00.30 Dj Gruff: Per chiudere in bellezza la nostra serata rap, arriva il re della vera old school hip hop italiana, un personaggio che può vantarsi di rappresentare una vera e propria icona per la nascita e la diffusione di questo genere musicale in Italia: Dj Gruff. L’artista sardo, il cui vero nome è Sandro Orrù, entra in contatto con la musica grazie alla sua passione per lo scratch e trova la sua massima espressione nel rap, ma attraversa un percorso che comprende anche la breakdance e il beatbox. Prima di giungere al successo nel 1992 con “Rapadopa”, Dj Gruff milita nei Fresh Press Crew. Nel 1994, sarà la volta di “SXM”, disco di esordio dei Sangue Misto, formati da Gruff, Deda e Neffa. Quest’album viene considerato ancora oggi una pietra miliare del rap italiano ed è ormai considerato un classico di questo genere. Dopo vent’anni di successo e di sperimentazione, Dj Gruff continua a diffondere con passione e successo la musica rap, realizzando live sempre nuovi e accattivanti.


Domenica 1 Luglio: Serata Indie/Rock


Ore 17.30: Massimiliano Follenti, “Nonna e le sue badanti”: Le nonne sono un pezzo di cuore. Ci sono le nonne sagge, quelle cuoche, le nonne sportive, quelle da briscola e tressette e poi, c’è la nonna raccontata da Massimiliano. Non solo una nonna, ma una donna che all’età di 82 anni si vuole rivalorizzare, talvolta in maniera buffa, per non abbandonare mai quello che gli resta della vita. Nella meravigliosa cornice del Fool Festival, uno spettacolo teatrale leggero e fresco, con intermezzi musicali dal vivo, che non si lascia sfuggire momenti di profonda riflessione. Ore 19.00: Proletari di tutto il mondo chi lava i calzini?: Il '68, le donne, i giovani e la rivolta.
Attraverso i racconti di Silvia Casilio e Loredana Guerrieri (Osservatorio di Genere) e le letture di documenti e articoli di giornali dell'epoca a cura di Elena Carrano (Lettorìa – Fabrica Teatro)
viaggeremo tra le parole, le suggestioni, i ricordi di un'Italia ancora sospesa tra la tradizione e la modernità, tra i pregiudizi e le spinte in avanti provenienti dagli altri paesi europei e non in cui la donna iniziava a “fare la differenza”.
Ore 22.00: Project Czar: Spazio ad un interessante progetto “nostrano”, i Project Czar! Nascono agli inizi del 2012, con l'intento di portare dal vivo le canzoni raccolte nell’album omonimo (2008) e nell'EP II° del 2012 (un EP di 4 canzoni). Il 16 dicembre del 2014 esce l'album Fight To The Light per la U.D.U. records, edizioni Raw Lines. Nel 2017 sono stati scelti per la finale regionale di Rock Targato Italia e da poco è uscito il loro video del nuovo EP, “In My Heart”.
Ore 23.00: Meganoidi: Insieme da ormai 20 anni, è indubbiamente una delle band più interessanti ed attive della scena alternativa italiana. Oltre ai loro grandi successi, ormai entrati nell’immaginario collettivo della musica indipendente italiana, la band genovese presenterà il suo ultimo prodotto musicale “Delirio Experience”, frutto di continue ricerche e sperimentazioni. Tra i loro più grandi successi, ricordiamo “Meganoidi”, “King of Ska”, “Supereroi Contro la Municipale” e la bellissima “Zeta Reticoli”, una delle canzoni italiane più belle degli ultimi quindici anni.


Per ogni informazione aggiuntiva vi invitiamo a visitare il sito www.foolfestival.it



comments

    Client Section